Gioco con Miglior Ambientazione: La Top Five di Mad_Sound


Come tutti sappiamo un capolavoro videoludico è composto da tanti fattori che spaziano dalla giocabilità, trama, narrativa fino ad arrivare al gameplay, armi e multiplayer. L’insieme di tutto ciò costituisce uno sforzo lavorativo non da poco che spesso si tramuta di fatto in un realtà videoludica sulla quale è possibile mettere le mani dopo tanto tempo. Uno dei tanti, superiore a mio avviso al tanto titolato problema della grafica e degli fps affrontato nel precedente articolo, è la scelta dell’ambientazione. Decidere dove ambientare un gioco e alla luce di quale scenario è una delle fasi più complicate, probabilmente la prima dalla quale poi scaturisce tutto il resto. Ebbene in quest’articolo ho deciso di premiare quelli che reputo i paesaggi migliori dove ho trascorso le mie ore di gioco. Cari giocatori, che siate sonari, boxari, nintendari poco importa perché in questa classifica stilata dal sottoscritto a vincere non sarà la piattaforma o il fanboyismo, ma la miglior ambientazione che abbiamo visto in un gioco tra la old e la current gen. Scegliere è stata un’impresa ardua e sicuramente la classifica farà scontenti alcuni di voi: non me ne vogliate, innanzitutto per questioni prettamente personali, trattandosi di una classifica soggettiva, anche se ho cercato di restare il più imparziale possibile, e poi perché potrebbe essermi sfuggito qualche titolo del quale non ho avuto modo di scoprirne i paesaggi. Ma non preoccupatevi: potrete dirci la vostra top 5 direttamente nei commenti e renderci partecipi dei vostri gusti e dei vostri vincitori. Ma bando alla ciance e partiamo subito a scorrere la classifica:

5° Posto: The Division

Se non siete riusciti ancora a visitare Manhattan potreste avere la vostra occasione restando comodamente seduti sul vostro divano di casa o sulla vostra sedia da gioco. Nonostante diversi bug ( forse in via di risoluzione con la patch 1.4 che dovrebbe uscire ad Ottobre) che affliggono il titolo di casa Ubisoft, l’ambientazione che ci viene proposta è una delle più riuscite ed affascinanti al punto da meritarsi il fanalino di coda in questa classifica. Fedele alla realtà, il quartiere di New York è tutto da scoprire con i sui immensi grattacieli, sia in escursione diurna che notturna. Se a questo aggiungiamo un clima invernale con tanto di neve ed uno scenario quasi post apocalittico allora non potrete che restare a bocca aperta.

division-classifica

4° Posto: Alan Wake

Chi ha giocato ad Alan Wake sa bene che quello che si è trovato davanti non è un gioco, bensì un film. Cupo e misterioso. Ambientato nella foresta di Bright Falls, dovrete fare luce su di un “incubo” che vivrete in prima persona. Alla ricerca della vostra amata sarete costretti a sopravvivere a colpi di revolver tra presenze oscure e malvagie, facendo conoscenza nel contempo stesso di tanti personaggi che vi aiuteranno a sistemare i pezzi di questo strano mosaico. La boscaglia offre uno scenario fantastico per il genere di gioco che saprà deliziarvi principalmente al buio ma lasciando vivi quei pochi momenti di luce per fermarsi un attimo a godere il paesaggio…e per riprende fiato.

alanwake_07_fight_720p

3° Posto: Bioshock

Scalando sempre più la vetta ci imbattiamo finalmente nel podio! La medaglia di bronzo va assegnata al pluripremiato titolo distribuito da Take Two che ci consente di rivivere una città sottomarina costruita interamente in stile Retrò. L’ambiente di gioco è collocato infatti nel 1960 e per quanto possa sembrare lontana la sua collocazione temporale, scoprirete che il fascino della città di Rapture in vecchio stampo è tale da appagare i gusti degli amanti dello stile retrò ma soprattutto quelli del moderno.

rapture

2° Posto: Journey

Medaglia d’argento per questo magnifico e intenso gioco sviluppato dai ragazzi di Thatgamecompany. Dalla profondità dell’oceano ci spostiamo nell’ aridità del deserto e dei suoi segreti. Alla ricerca di noi stessi e di quello che fu della nostra specie, attraverseremo dune e sabbie al cospetto di un caloroso sole scoprendo sempre più tesori legati alla nostra identità durante il nostro lungo e faticoso viaggio. Ma attenzione: le meraviglie paesaggistiche che saremo in grado di scorgere durante la nostra avventura muteranno man mano che ci avvicineremo alla verità, lasciando aridi deserti per tempestose e fredde città. Un capolavoro per gli occhi e non solo.

journey-game-screenshot-1-b

1° Posto: The Last of Us

Eccoci signori e signore al vincitore di questa classifica che ha visto in lotta diversi titani del mondo videoludico. Fate pure squillare le trombe e stappate pure lo spumante perché il vincitore indiscusso come miglior ambientazione è The Last of Us. Ambientato in un mondo alla deriva colpito da un’infezione mortale della quale si disconosce ogni forma di cura e vaccino, il personaggio principale avrà il piacere di accompagnarci in una società quasi del tutto scomparsa  dove scopriremo un pianeta non più in mano alla razza umana ma che ha fatto ritorno al suo legittimo proprietario: Madre Natura. Scorgere città in rovina e trovarsi davanti ciò che ne rimane quando la natura continua il suo corso è qualcosa che ci lascerà a bocca aperta. Tra mutanti e criminali ci faremo strada tra le nefandezze del genero umano oramai al declino ma avremo modo di godere di luoghi invasi dall’incontrollato ma attraente crescere della natura e di quello che può sembrare un ritorno alle origini.

the-last-of-us-1

La classifica termina qui. Spero di non aver deluso troppo i vostri gusti ma soprattutto non dimenticate di farmi sapere la vostra top five. Alla prossima!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci il CAPTCHA prima di confermare. *