Il radicchio gonfia la pancia? Risponde l’esperto

Il radicchio è un ortaggio che appartenente alla famiglia delle Composite. E’ un ortaggio dalle numerose proprietà antiossidanti, molto utile contro la psoriasi, il diabete di tipo 2, l’obesità, la stitichezza e la cattiva digestione.

Esistono molte varietà di radicchio, alcune di queste sono selvatiche, altre, invece, sono coltivate. Ciò che permette di distinguere una varietà dall’altra, sono l’aspetto e anche il sapore. In alcuni casi le denominazioni sono diverse, come ad esempio nel caso della cicoria.

Per quanto riguarda il sapore, alcune varietà di radicchio hanno un sapore molto amarognolo, altre, invece sono più dolci, ciò che è simile in tutte le varietà è la croccantezza. E’ possibile fare una suddivisione delle varie tipologie di radicchio in due grandi gruppi: i radicchi con le foglie di colore rosso intenso e quelli che hanno le foglie variegate.

In Italia le tipologie di radicchio più pregiate e consumate sono il radicchio rosso di Treviso, il radicchio rosso di Verona e il radicchio rosso di Chioggia.

Proprietà e benefici del radicchio

Il radicchio è un ortaggio ricco di nutrienti, in particolar modo apportano ottimi quantitativi di sali minerali e vitamine. Tra i minerali i più abbondanti sono il potassio, il magnesio, il fosforo, il calcio, lo zinco, il sodio, il ferro, il rame e il manganese. Mentre le vitamine più abbondanti che il radicchio ha sono le vitamine del gruppo B, la vitamina C, la vitamina E e anche la vitamina K.

Il costituente principale del radicchio, come in gran parte dei vegetali e non solo, è l’acqua. Non a caso, il radicchio, ha un ottimo potere depurativo e drenante, dovuto non solo alla presenza di acqua ma, anche alla presenza di numerosi minerali. Inoltre, è un valido aiuto per coloro che soffrono di stitichezza e difficoltà digestive.

Apporta poche energie, dato che le calorie che fornisce sono molto poche, per questo motivo è molto consigliato il suo consumo anche a che sta seguendo un regime dietetico ipocalorico, faciliterà la perdita di peso. 100 grammi di radicchio rosso apportano circa 13 Kcal.

Tra i carboidrati, le fibre, rappresentano il quantitativo maggiore. Grazie alla presenza delle fibre, questo vegetale è in grado di rallentare ed ostacolare l’assorbimento degli zuccheri nel sangue, per questo motivo è molto consigliato il suo consumo quando si è affetti da diabete di tipo 2. Inoltre, la presenza di fibre, aumenta il senso di sazietà.

Il radicchio è anche molto consigliato a coloro che sono affetti da psoriasi.

Il radicchio, nella sua varietà rossa, è ricco di antiossidanti, come ad esempio gli antociani, contiene, inoltre, buoni quantitativi di triptofano. Gli antociani aiutano a prevenire malattie cardiovascolari, mentre, il triptofano, aiuta a combattere l’insonnia.

Volendo dare dei numeri più precisi dei vari nutrienti presenti nel radicchio possiamo dire che per ogni 100 grammi di questo vegetale sono apportati:

  • Acqua 94 g
  • Carboidrati 1,6 g
  • Zuccheri 1,6 g
  • Proteine 1,4 g
  • Grassi 0,1 g
  • Colesterolo 0 g
  • Fibre 3 g
  • Sodio 10 mg
  • Potassio 240 mg
  • Ferro 0,3 mg
  • Calcio 36 mg
  • Fosforo 30 mg
  • Vitamina B1 0,07 mg
  • Vitamina B2 0,05 mg
  • Vitamina B3 0,3 mg
  • Vitamina A tracce
  • Vitamina C 10 mg

Dunque, possiamo tranquillamente affermare che il radicchio è un ottimo alleato per l’intestino, il sistema cardiovascolare, il sistema nervoso e la pelle.

Il radicchio gonfia la pancia?

La risposta è no, anzi è il contrario, il radicchio aiuta a sgonfiare la pancia.

Il gonfiore addominale è una condizione molto frequente, che affligge molte persone, le cause sono molteplici, ad esempio, stress, meteorismo, intolleranze, alimentazione sbagliata, stitichezza, e tante altre. In alcuni casi modificare l’alimentazione può apportare notevoli benefici.

Ci sono degli alimenti che sono in grado di sgonfiare la pancia, ed altri, invece, che determinano gonfiore addominale. Tra gli alimenti che sono in grado di sgonfiare la pancia è da includere il radicchio. Esso favorisce la digestione, favorisce il transito intestinale, apporta fibre ed ha un’azione depurativa e disintossicante, per cui molto consigliato come vegetale da introdurre in una dieta.