Bere gin fa davvero ingrassare? La risposta che stupisce

Quando si parla di gin si fa riferimento ad una bevanda alcolica. Il gin è molto conosciuto e consumato in tutto il mondo. E’ un prodotto che presenta una gradazione alcolica molto elevata, infatti, per legge, la gradazione alcolica del gin deve essere superiore al 37,5% Vol. Data la sua gradazione alcolica molto elevata rientra nei prodotti superalcolici.

Il gin è una bevanda alcolica distillata, che si produce a partire dall’orzo o dal frumento che vengono lasciati fermentare per poi essere aromatizzati con l’aggiunta del ginepro.

Il gin è una bevanda che è stata sperimentata per la prima volta nel Medioevo, ed era utilizzato per scopi medici e curativi. Oggigiorno esistono molteplici varietà di gin, che si differenziano le une dalle altre per la loro zona di produzione oltre che per il loro sapore e la loro gradazione alcolica.

Il gin fa digerire?

Nel nostro Paese, come in tante altre parti del mondo, molto spesso, al termine di un pasto abbondante è consuetudine consumare un po’ di alcool, questo perché è pensiero comune che si digerisca meglio. In realtà sembrerebbe essere l’opposto, bere degli alcolici dopo un pasto non è molto consigliato, specialmente se si tratta di un pasto abbondante. L’etanolo contenuto nella bevanda apporta calorie, oltre che ad irritare le paresti dello stomaco. Dunque la digestione rallenta, e potrebbe far ingrassare.

L’alcool svolge un’azione depressiva sulla digestione, influisce sullo svuotamento gastrico, lo rallenta, per cui il cibo permane più tempo nello stomaco. Di conseguenza, quando la digestione è rallentata, si verifica una condizione di sonnolenza.

Nel caso specifico del gin, consumare un piccolo quantitativo, potrebbe favorire la digestione, non per la presenza dell’alcool, ma per la presenza abbondante di spezie dalle proprietà digestive.

Benefici apportati dal consumo di gin

  • Allevia i dolori articolari

Il gin ai tempi del Medioevo era utilizzato per le sue proprietà curative. Per anni è stato un rimedio popolare dei paesi anglosassoni. Si lasciava macerare l’uvetta all’interno del gin e si mangiavano nove acini al giorno per alleviare e prevenire dolori articolari. Ovviamente per i rimedi naturali popolari non vi sono delle prove scientifiche.

  • Previene e contrasta il raffreddore

Nel gin si aggiungono le bacche di ginepro durante la produzione, esse sono un rimedio naturale contro il raffreddore, data la loro ricchezza in vitamina C e agenti antiossidanti.

  • Diuretico

L’azione diuretica è sempre da attribuire alle bacche di ginepro.

  • Mantiene la pelle giovane

Il ginepro, contiene molte vitamine, flavonoidi e agenti antiossidanti, l’azione di questi componenti contrasta l’azione dei radicali liberi, prevenendo l’invecchiamento della pelle e l’ossidazione cellulare.

  • Migliora la digestione

Il gin fa ingrassare?

La risposta è dipende, non esistono degli alimenti che facciano dimagrire magicamente o che facciano ingrassare se consumati in un quantitativo consono.

Non si hanno delle prove certe riguardo questo potere dimagrante del gin, ciò che però si sa è che il gin sembrerebbe stimolare la digestione e sembrerebbe avere un effetto positivo sul metabolismo.

Ma come è possibile che il gin stimoli il metabolismo? Un gruppo di studiosi ha eseguito delle ricerche e al termine di queste ultime si è arrivati alla conclusione che probabilmente questa attivazione del metabolismo è dovuto ad un effetto noto come “postbruciato”. Altro non è che l’azione svolta dal fegato per bruciare l’alcool e di conseguenza il metabolismo accelera.

Dunque, in conclusione, possiamo dire che non ci sono delle prove scientifiche che vadano ad affermare questa conseguenza del consumo di gin. Ad ogni modo se consumato in piccoli quantitativi e con una frequenza minima, non farà ingrassare. Al contrario è difficile affermare che faccia addirittura dimagrire, dato che apporta calorie data la presenza di etanolo.