I fichi d’India contengono istamina? Attenzione alla risposta

Subject: On 2013-10-25, at 5:54 PM, Pereira, Tania wrote: Prickly pear Cactus pear Indian fig Tuna fig dreamstime dreamstime_xl_15707854.jpg

I fichi d’India sono frutti prodotti da una pianta appartenente alla famiglia delle Cactaceae. E’ una specie botanica originaria del Messico, ma, grazie alla sua elevata adattabilità a diverse tipologie di terreno, è coltivata in moltissimi paesi. Ad esempio per quanto riguarda l’Italia, i fichi d’India si possono trovare facilmente nelle aree mediterranee.

I fichi d’India sono dei frutti gustosi, molto succosi e anche molto dolci quando si consumano a completa maturazione. Oltre ad essere dei frutti molto appetibili, essi apportano anche molti benefici al nostro organismo, se consumati in modo equilibrato. Un abuso non è mi consigliato.

Questa pianta è in grado di attecchire su vari terreni, infatti, anche in mancanza di elevati quantitativi d’acqua riesce ad essere produttiva, a condizione, però, che il clima sia caldo. Infatti per far si che questi frutti vengano prodotti, si necessita una buona esposizione solare, viceversa non è una pianta produttiva quando le temperature sono fredde.

Calorie e valori nutrizionali dei fichi d’India

I fichi d’India sono composti principalmente da acqua. Oltre l’acqua, ovviamente, sono contenuti molti nutrienti, che sono poi quelle che determinano le proprietà benefiche del frutto quando consumato.

I fichi d’India apportano circa 43 kcal per 100 grammi di prodotto. E’ un frutto dall’elevato potere energetico, questo perché gran parte delle calorie sono fornite dagli zuccheri semplici che questo frutto contiene. Gli zuccheri contenuti sono principalmente glucosio e fruttosio, due zuccheri di facile assorbimento. L’indice glicemico è medio-alto.

Nonostante gli zuccheri siano facilmente assimilabili, l’assorbimento di una parte di essi è ostacolata dalla presenza di fibre. Per 100 grammi di frutto il quantitativo di fibre è di circa 5 grammi. La fibra più abbondante è la pectina.

I lipidi, sono maggiormente presenti nei semi, da è possibile anche ricavare un olio. Nella polpa, invece, sono presenti gli acidi grassi e gli steroli vegetali.

Per quanto riguarda i micronutrienti, invece, le vitamine e i sali minerali sono abbastanza abbondanti. Tra le vitamine la più abbondante è la vitamina C, tra i sali minerali i più abbondanti sono fosforo, potassio e calcio, abbondanti anche i carotenoidi e tanti altri antiossidanti.

Benefici

  1. Favoriscono il transito intestinale
  2. Svolgono un’zione protettiva per lo stomaco e il fegato
  3. Aumentano il senso di sazietà
  4. Permettono di tenere il peso sotto controllo
  5. Stimolano la diuresi
  6. Azione antiossidante
  7. Proteggono la vista
  8. Potenziano il sistema immunitario

Cos’è l’istamina?

L’istamina è un composto azotato che generalmente è prodotto dal nostro organismo, ma che può essere presente anche in alcuni alimenti. L’istamina svolge varie funzioni legandosi a dei recettori specifici che si trovano sulla membrana cellulare.

L’istamina rientra nel gruppo delle ammine biogene. Essa funge da neurotrasmettitore, da mediatrice delle infiammazioni e anche in risposta a reazioni allergiche. Non a caso, alcuni alimenti che contengono istamina determinano reazioni allergiche in alcune persone.

Dove si trova l’istamina?

L’istamina è prodotta principalmente nel corpo, ma essa può essere contenuta anche in vari alimenti, specialmente in alimenti stagionati o mal conservati. Altri alimenti, invece, non contengono istamina ma, sono definiti come istamino-liberatori.

Alimenti in cui è contenuta l’istamina

  • Cibi stagionati
  • Cibi conservati a lungo nei magazzini
  •  Cibi fermentati
  •  Formaggi
  •  Salame
  •  Speck
  •  Pesce, specialmente tonno, sgombro, sardine e aringhe
  •  Frutti di mare
  •  Vino rosso
  •  Spumante
  •  Ketchup
  •  Salsa di soia
  •  Aceto
  •  Crauti
  •  Pomodori
  •  Melanzane
  •  Spinaci

Alimenti istamino-liberatori

• Fragole
• Cioccolato
• Funghi
• Ananas
• noci e mandorle
• albume
• pesce
• molluschi
• soia
• cereali integrali
• alcool