Madonna:la diva per antonomasia

Louise Veronica Ciccone nasce il 16 agosto 1958 a Detroit, Michigan. I genitori, di origini italiane, hanno

Interessata alla danza fin da piccola sceglie subito questa strada malgrado il padre insistesse per l’apprendimento di uno strumento musicale (cosa che ha poi imposto a tutti i figli). La futura popstar planetaria frequenta le prime lezioni di ballo con già in testa un chiodo fisso (come ha confessato lei stessa) quello di diventare una stella. Per l’istruzione il padre si affida ad alcune scuole cattoliche, a cui si può forse far risalire il successivo desiderio di ribellione, evidenziato fin dalla scelta dello pseudonimo Madonna, appunto.

Alla fine degli anni ’70 Veronica Louise si trasferisce a New York per lavorare in una compagnia di danza, quella di Alvin Ailey, in cui riesce ad entrare dopo una serie di audizioni.

Nel frattempo non disdegna di arrotondare le sue entrate lavorando come commessa in una catena di fast food. Qui conosce Dan Gilroy, suo futuro compagno per breve tempo, il quale non solo le insegna a suonare chitarra e batteria, con lui intraprende un vero e proprio sodalizio artistico (i due scriveranno insieme diverse canzoni). Per sbarcare il lunario però gira anche qualche film di serie B (come lo scabroso “A certain sacrifice”), e posa nuda per riviste maschili.

In seguito lavora ad alcuni brani da discoteca con l’amico di college Steven Bray. Alcune di queste canzoni vengono programmate nel famoso locale trendy newyorchese “Danceteria” dal DJ Mark Kamins, lo stesso che produrrà “Everybody”, primo singolo di Madonna. Il successo di quel primo brano è lusinghiero: ecco quindi poco dopo il team pronto per sfornare un altro titolo. E’ la volta di “Burning Up/Physical Attraction” che, anche grazie a un contratto con la Sire Records, attecchisce negli ambienti dance con gran successo.

Nel giugno 1983 il dj John “Jellybean” Benitez, nuovo compagno della cantante, scrive per lei “Holiday”, un brano accattivante che, insieme a “Borderline” e “Lucky Star”, impone il nome di Madonna nelle classifiche dance a stelle e strisce. Tutte queste canzoni vengono raccolte nell’omonimo album d’esordio “Madonna”, edito nel 1983.

Subito dopo è il momento di “Like a virgin”, brano che la lancia a livello internazionale come fenomeno erotico e di costume, grazie ad un’immagine giocata su una sensualità facilona e ammiccante, apertamente volgare e dunque di sicuro impatto. Nelle sue pose da Lolita, nel suo tentativo di essere sbarazzina e accattivante, raggiunge esiti spesso sconfortanti, anche se, a quanto sembra, assai apprezzati dalle mai troppo deprecate masse. Indubbiamente il suo nuovo pop trasgressivo un po’ monotono, levigato e orecchiabile, si sintonizza assai bene con il retroterra “culturale” degli anni ’80, divenendone il simbolo supremo.