Omicidio Luca Sacchi:nei guai Anastasia nella svolta delle indagini

Svolta nelle indagini sulla morte di Luca Sacchi , ucciso con un colpo di pistola alla testa davanti a un pub nella zona di Colli Albani nella notte tra il 23 e il 24 ottobre scorso. I carabinieri del Comando Provinciale di Roma hanno eseguito un’ordinanza emessa dal Gip, su richiesta della Procura capitolina, che dispone misure cautelari nei confronti di 5 persone. Tra i destinatari anche la fidanzata di Luca, Anastasiya Kylemnik, che era con lui la sera dell’omicidio: nei suoi confronti è stato disposto l’obbligo di presentazione in caserma.I due legali, Armida Decina e Paolo Salice, sono convinti che il giovane dell’Appio Latino sia stato eliminato da Valerio Del Grosso e Paolo Pirino, i pusher con amici tra i ras dello spaccio di San Basilio e Tor Bella Monaca, ora in carcere per l’omicidio, perché ritenuto «scomodo». L’ipotesi («non potrebbe essere altrimenti, a meno che non ci sia stato un errore di persona», dicono) spiegherebbe il perché dell’accanimento sul giovane, sul cui corpo l’autopsia ha riscontrato numerose lesioni compatibili con i colpi sferrati da una mazza.I dettagli dell’operazione verranno resi noti nel corso di un incontro che avverrà alle ore 11:00, tra il Procuratore facente funzioni Michele Prestipino, il Procuratore Aggiunto Nunzia D’Elia e gli organi di stampa, presso gli Uffici della Procura della Repubblica di Roma.Mio figlio era stupendo, forse si fidava troppo. Anastasiya l’abbiamo accolta in casa, spero con tutto il cuore che sia pulita. Queste sono le parole di Alfonso, che chiede giustizia per suo figlio, morto da un giorno all’altro.