Steep: Il Richiamo della Montagna 1


Oramai è sempre più frequente presentare un gioco open world. Lasciare libero il giocatore di esplorare la mappa di gioco e decidere apertamente dove andare è una costante frequente che ha raccolto positivamente le opinioni del pubblico e della critica in generale. In casa Ubisoft i titoli open world non mancano sicuramente, ma presentarlo in salsa sportiva e con uno scenario mozzafiato è stato sicuramente una piacevole sorpresa. In questi giorni si è conclusa la Closed Alpha di Steep e noi della Redazione lo abbiamo provato per voi.

Pronti, Partenza, Viaaa!

Presentato ufficialmente all’E3 di quest’anno durante il meeting Ubisoft, Steep è un titolo sportivo Always online ambientato su vette innevate e scenari mozzafiato. Il giocatore avrà a disposizione 4 differenti stili per esplorare la montagna: sci, tuta alare, snowboard e parapendio. A seconda del percorso da affrontare la scelta di alcuni di essi sarà di fatto obbligata anche se in tanti altri casi è possibile gareggiare sullo stesso percorso scegliendo liberamente quale attrezzatura sia la più indicata per noi. Il titolo si basa principalmente sulla partecipazione di gruppo, dove è possibile lanciare sfide, partecipare ad eventi e condividere ogni percorso che facciamo sino ai momenti salienti dei nostri replay. Sfidare la community o i nostri amici è un’attività che in questa categoria di giochi rende il tutto ancor più divertente.

 

steep-openworldvistaexplorer

La Closed Alpha

La versione proposta ci farà partire da un punto sconosciuto sulla montagna con un indicatore da seguire. A pochi metri troveremo il primo lancio da fare che, di fatto, farà partire un tutorial, seguito poi da altri lanci, durante il quale avremo modo di testare tutte e 4 le discipline. Ci verrà indicato quali sono i comandi, le tecniche e per ogni attività come affrontare il percorso. Al termine del tutorial partirà la vera e propria esperienza nel gioco. Si apriranno nuovi percorsi, alcuni di essi saranno scoperti grazie all’uso del binocolo su vette più alte, con difficoltà man mano crescente. Ogni percorso ha un rank e se sarete bravi vi ritroverete presto sul podio. Gli scenari da affrontare variano man mano e come indice di difficoltà sono stati inseriti degli ostacoli, che possono essere sia alberi secolari che panchine e cottage, oltre che discese impavide e rocce pronte ad attenderci. Il titolo, nelle sue prime fasi, non risulta del tutto facile: ogni disciplina è stata settata egregiamente per offrire, pad alla mano, le giuste sensazioni e risposte che si otterrebbero in una realtà del genere. Non faticherete poco per trovare la giusta dose da assegnare a ciascun input per lanciare nel modo corretto il vostro personaggio lungo le catene montuose.

alare

Sono un’acrobata…ma anche uno spericolato

Uno dei punti forza di Steep è la varietà con la quale possiamo selezionare i percorsi e, di conseguenza, decidere quale tipo di sportivo campeggia in noi. Avremo modo di lanciarci in spettacolari acrobazie con l’unico intento di guadagnare punti xp e di umiliare i nostri amici, ma anche di affrontare percorsi ardui e difficoltosi in lotta contro il tempo al limite delle capacità umane. Saremo noi a decidere. Il gioco, inoltre, ci darà modo di paventarci sia in partite diurne che notturne, quest’ultime di un rilevante fascino.

Conclusione: Il gioco in se ha del potenziale, la beta non ci ha dato modo di testare scontri multiplayer rilevanti a causa della scarsa partecipazione da parte dell’utenza e, ovviamente, ci sono dei piccoli bug che sicuramente verranno risolti nella fase gold. Le aspettative di ritrovare in seguito un titolo che sappia regalarci tanto divertimento, soprattutto in compagnia, sullo sfondo di uno scenario affascinante ci sono tutte. A patto che il genere sia di vostro gradimento.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci il CAPTCHA prima di confermare. *

Un commento su “Steep: Il Richiamo della Montagna

  • Axwell

    È ancora presto per arrivare a delle conclusioni come infatti nell articolo traspare.
    Il progetto incuriosisce ma io personalmente non ci spenderei più di una quindicina di euro. Insomma è destinato a una cerchia di appassionati pur essendo un titolo più o meno ambizioso.