I migliori giochi Horror: Speciale Halloween 2016 2


I MIGLIORI GIOCHI HORROR: SPECIALE HALLOWEEN

Dolcetto o scherzetto? Buon Halloween a tutti dalla redazione di Breakingames.it!

Programmi per questa sera? Bene, se non ne avete allora siete nel posto giusto!

Quale giornata migliore se non oggi per giocare un buon titolo horror? Celebriamo quindi la festività delle zucche con una breve lista contenente i giochi horror migliori di sempre! Andremo quindi a trattare alcuni titoli “minori” e altri più iconici, che, in un modo o nell’ altro hanno segnato in modo sensibile questo filone di videogiochi, ma sopratutto la mia esperienza da videogiocatore.

Preciso fin da ora che questa classifica è del tutto soggettiva e presenterà solo titoli giocati dal sottoscritto.

GIOCHI DA BRIVIDO

Dead space

Un’ improvvisa richiesta d’aiuto, un equipaggio tecnico e una nave spaziale appartenente alla classe “Planet Cracker”,la USG Ishimura, aprono uno dei titoli horror meglio riusciti della scorsa generazione o forse di sempre.

Uscito ormai 8 anni fa, Dead space propone al giocatore un’esperienza horror mozzafiato. Sviluppato dai ragazzi di Visceral Games, presenta atmosfere ispirate a grandi pellicole cinematografiche come Alien e Punto di non ritorno.

Il successo di Dead space va sicuramente a braccetto con la scelta di rendere il titolo fedele ai pilastri del genere, al contempo rivoluzionando meccaniche già solidissime grazie alla nuova potenza di calcolo.

La produzione presenta un gameplay ibrido tra “survival vecchia scuola” e un gioco “più moderno”, ereditando un sistema di tank controls scomodo e pesante che rende gli spostamenti del protagonista, Isaac Clarke, lenti e vulnerabili. Il tutto è condito a dovere da un sonoro eccellente, una storia più che interessante e nuove meccaniche di shooting, implementando l’amputazione degli atri sui terribili necromorfi, necessaria per la totale e definitiva uccisione.

Dead space fa paura, e tanta, tenendovi costantemente in ansia per tutta la sessione di gioco

TOP 10 HORROR

 Alien isolation

Dopo il discreto Alien Vs Predator e il terribile Alien Colonial Marines, la speranza di vedere sulle nostre piattaforme un titolo interessante e ben realizzato inerente la pellicola cinematografica di Alien diventava sempre più improbabile.

Finalmente nel 2014 viene presentato Alien Isolation, nuova fatica dei Creative Assembly e cavolo…mai ci saremmo aspettati un titolo cosi ben fatto. Un eccellente survival horror in prima persona, fedelissimo al film in quanto ambientazione e atmosfera, ostico complesso e con un comparto audio direzionale incredibile.

L’aspetto più impressionante del gioco è sicuramente lo Xenomorfo. L’alieno, gestito da un IA di altissimo livello, braccherà la nostra protagonista, Amanda Ripley, per tutta la stazione Sevastopol in modo ossessivo e continuo lungo tutta la campagna principale, non lasciandoci quasi mai un minuto di pace, accennata solo dal caricamento dei livelli di gioco.

Alien Isolation è un titolo incredibile, ricco d’ansia e colpi di scena, capace di farci vivere momenti di terrore impersonando una preda indifesa in continua fuga.

TOP HORROR  

Rule of rose

Probabilmente lo avrete sentito in pochi, non mi sorprende. Ci sono titoli che spesso, se pur non risultino innovativi e poco pubblicizzati, colpiscono per il loro gusto estetico e carisma. Un esempio è proprio Rule of Rose.

Uscito per ps2 nel 2006, se per gameplay e struttura di gioco può ricordare Silent Hill, colpisce grazie alle sue contorte e grottesche creature inserite nei diversi capitoli di gioco. La protagonista diciannovenne di nome Jennifer, è un orfana in viaggio, che dopo essersi imbattuta in una magione abbandonata, viene catturata da un gruppo di bambini a dir poco inquietanti con tendenze masochiste e pedofile.

Una volta risvegliata, la protagonista si ritrova all’interno di un dirigibile in volo costretta a stare ai malati compiti dei bambini, facenti parte di una setta: gli “Aristocratici del Pastello Rosso“, inventata dai medesimi basata sulla violenza e stranezza.

In tutto questo disagio Jennifer dovrà combattere creature mostruose e a volte tragicomiche come: folletti, “sirene”, bambini antropomorfi con volto da capra e coniglio, fino ai più creepy uomini pesce.

Si…strano forte.

TOP HORROR

  Forbidden Siren 2

Uscito nel 2006 in esclusiva ps2, il gioco risulta abbastanza unico nel suo genere. Il titolo in terza persona è il seguito del famoso Forbidden Siren uscito qualche anno prima prima in Giappone e successivamente in Europa e nel resto del mondo.

I protagonisti, rimasti intrappolati sull’isola di Yamijima devono affronatre la popolazione locale, ovviamente non stiamo parlando di simpatici contadini e donzelle in gonna, ma di esseri demoniaci.

Pur mantenendo un aspetto quasi umano, i nemici chiamati shibito, attaccheranno spesso di soppiatto i protagonisti, usando attrezzi da lavoro e spaventandoli rilasciando fonemi vocali a dir poco agghiccianti.

Il gioctaore dunque è guidato a usare un approccio il più silenzioso possibile, scegliendo la fuga piuttosto che uno scontro diretto. La caratteristica che contraddistingue Siren è la possibilità  di osservare la visuale soggettiva dai vari nemici, aumentando di picco l’ansia vedendosi arrivare alle proprie spalle un qualcosa di non ancora definito.

Il gioco è a dir poco Bizzarro e malato, basti solamente ricordare che durante una bossfight dovremmo combattere contro una testa rotolante..si non sto scherzando.

TOP HORROR

Soma

Poco importa se rispetto ai fratelli maggiori, “Amnesia Dark Descent” e “Machine for pigs”, questo Soma incute meno terrore.

L’ultimo lavoro di Frictional Games riesce a raccontare una storia per nulla banale, intrigante dall’ inizio alla fine, riproponendo un approccio del tutto simile ai suoi predecessori, ovvero l’impossibilità di difendersi, optando la fuga come unico modo di  sopravvivere.

Ispirato a teorie e racconti sulla robotica di Asimov e sul concetto di “cos’è l’anima?” e cosa rende un essere “umano”propone spunti e momenti di riflessione davvero interessanti, alternando enigmi e piacevoli fasi esplorative, con un finale che personalmente mi ha scioccato.

Le ambientazioni sono davvero ben realizzate, il protagonista deve affrontare un’avventura che lo porterà ad attraversare un intera base di ricerca nel fondo dell’oceano, braccato costantemente da strane creature bio-tecnologiche impazzite. Pronti a tuffarvi nel mondo sommerso di SOMA?

TOP HORROR

Silent Hill

Datemi pure del banale, poco importa quando si ha davanti un capolavoro.

Parlare di Silent Hill è come parlare della nascita di un genere, se pur uscito successivamente per entrare in competizione con il famoso rivale Resident Evil, il gioco del Team Silent per quanto riguarda originalità, ambientazione e trama risulta ben superiore rispetto ai soliti Zombie e creature non morte.

La cittadina nascosta nella nebbia è forse ancora oggi uno dei luoghi più evocativi e disagianti mai creati. Con il secondo capitolo si è forse toccato il momento più forte della saga, nacque proprio li il famoso Pyramid Head che tutti i videogiocatori ormai sanno riconoscere, appassionati o meno.

Creature contorte e momenti MIND-FUCK vi aspettano nel “ridente” paese nebbioso con i suoi “abitanti” ospitali e il cristallino lago Toluca. Buona permanenza.

TOP HORROR

Dino Crisis

I titoli Horror usciti negli anni 90 si assomigliano decisamente.

Gameplay e struttura di gioco erano quasi le medesime, e l’unico modo per spiccare in un panorama videoludico, legato strettamente a una potenza di calcolo non proprio entusiasmante caratterizzato da telecamere fisse ma sempre affascinanti, era la creazione di una trama densa e originale.

Dino Crisis non è nulla di tutto ciò. La trama era a dir poco ridicola e abbastanza prevedibile, non presentava grandi novità rispetto un iconico Resident Evil, e usci nello stesso anno del già citato Silent Hill. Saranno i dinosauri e la mia passione per questo genere, che nacque proprio con questo titolo a farmelo adorare cosi tanto nonostante riconosca la sua mediocrità.

Se state cercando Resident Evil ma con i dinosauri avete fatto tombola.

TOP HORROR

Penumbra Overture

Prima opera dei Frictional Games, Penumbra Overture, è il primo capitolo della famosa trilogia in esclusiva PC.

Penumbra, se pur inconsciamente, contribuì e apri la strada a quella tipologia di giochi horror che oggi va tanto di moda. Ispirato al omonimo racconto di Lovecraft il protagonista Philip si trova alla ricerca del padre, ritenuto morto fino ad allora.

Dopo aver ricevuto una misteriosa lettera parte per le distese innevate della Groenlandia, ma una volta arrivato a terra, una bufera di neve lo costringe ben presto a trovare riparo in una vecchia miniera abbandonata.

Dopo un improvviso crollo dell’entrata, il protagonista sarà costretto ad avventurarsi sempre più in profondità, utilizzando equipaggiamenti come bengala e torce per farsi starda nelle lugubri gole e passaggi, scoprendo ben presto che quella che doveva essere una vecchia struttura abbandonata ospita in realtà qualcosa di mostruoso.

Se pur presentando pochi nemici, concentrandosi principalmente su esplorazione e risoluzione di enigmi, Penumbra è un titolo che tutti gli appassionati dovrebbero recuperare!

TOP HORROR


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci il CAPTCHA prima di confermare. *

2 commenti su “I migliori giochi Horror: Speciale Halloween 2016